sandra luoni photography » Fotografo moda pubblicità life style - Varese / Milano

Back to the primitives

Ho investito di recente un mezzo rene per prendere un vecchio corredo Mamiya RZ67 e, già che c’ero, ho preso anche un tot di rulli 120 variamente assortiti. Per fortuna c’è ancora un lab non lontano che sviluppa i 120 (più o meno in outsourcing), così posso evitare di dovermici mettere in prima persona.

Attendevo dunque l’occasione per fare qualche esposizione – erano secoli che non dicevo esposizione nel senso di scattare una foto – e quale momento migliore se non durante un mini-shooting-personal-project-al-volo?

La mia preferita della session:

fotografo-ritratti-varese

model: roby
mua: andrea masaccio
hair: daniela
styling: a caso 

Sto ancora cercando di capire come ottimizzare il processo di scansione, dato che lo faccio in casa con un epson V500. Ad esempio: meglio usare il suo software o vuescan?
Vuescan mi pare appunto orientato molto al super controllo, mentre epson scan è più easy: è talmente easy che a volte tira fuori delle cose decisamente opinabili, che ti costringono ad andare ad aprirti vuescan per chiedere un secondo parere.

Questa ad ogni modo è una scansione della nuova kodak portra 160, effettuata subito dopo aver pulito lo studio (quindi molta polvere in giro, soprattutto addosso a me), molto al volo col software epson.

E… boh, se passa di qui qualche pellicolaro, mi piacerebbe sapere quali sono le vostre preferenze e il vostro workflow per la scansione!

  • daniele

    che spettacolo. ho comiciato da poco con la fotografia e non avendo i soldi sufficienti per una digitale seria scatto con una F100 e micronikkor 55 mm.gli euro meglio spesi in quest’epoca di porcherie di plastica…passavo di qui per caso e ho notato la bella foto. complimenti!ReplyCancel

    • Grazie Daniele! Eh, la pella è la pella… anche se la Kodak è in bancarotta e tra poco tre rulli costeranno più di un corpo reflex digitale… viviamo in tempi grami! : ))ReplyCancel

  • La scansione è un pò il contrappasso della scelta di scattare ancora in pellicola… mi spiego meglio: è talmente liberatori a volte fare click senza controllare subito sullo schermino che sarà mai successo che poi siam costretti a passare le ore per scannerizzare degnamente le nostre piccole opere d’arte di cui siam tanto fieri…

    Io alla fine uso software epson; mi ero informato un po’ e penso che sia più importante fare “fine tuning” delle varie opzioni di scansione che non provare 3 softwares diversi… per esempio a seconda della quantità di maschera di contrasto o del correttore “automatico” per graffi e polvere le prestazioni dello scanner possono variare significativamente…!!

    Un pò di pazienza le prime volte, poi quando avrai trovato la TUA configurazione vai tranquilla… e veloce! :-)ReplyCancel

    • Grazie per l’incoraggiamento Michele! (e scusa per il ritardo, non ho molto tempo per seguire il blog, ultimamente)
      Sì, credo che testare i vari settaggi per poi decidere sia da fare… però a me piace molto l’aleatorietà del risultato, che cambia anche a seconda se sposti di qualche millimetro il crop… : ))
      Purtroppo tra prezzi e tempo, la pellicola sta rimanendo una cosa che uso in occasioni eccezionali, così penso che continuerò a divertirmi giocando “a dadi” con lo scanner… : DDReplyCancel

Your email is never published or shared. Required fields are marked *

*

*