Hannah & MorganMatrimonio All’Aperto in Villa San RemigioLago Maggiore

Sono rimasta piacevolmente colpita, quando Hannah, contattandomi qualche mese prima del matrimonio, mi ha confermato subito la prenotazione: non conoscevo ancora tutti i dettagli dell’evento, ma la scelta della location, Villa San Remigio, una delle venues più belle ed evocative nell’area di Verbania – Pallanza e del Lago Maggiore in generale, sicuramente prometteva una certa affinità di spirito.

Villa San Remigio, effettivamente, possiede un passato interessante che narra una storia romantica. La Villa prende il suo nome dalla piccola cappella privata che sorge ai margini del parco, nella proprietà che fu delle famiglie Della Valle e Browne. La Villa stessa e il suo giardino, che insieme con quello di Villa Taranto costituisce un unico immenso parco che copre praticamente tutta la collina della Castagnola, sono stati poi presi in gestione dal marchese Silvio Della Valle di Casanova e da sua moglie, Sofia Browne, che, cresciuti insieme nella Villa ed innamoratisi, decisero di dedicare le loro vite alla costruzione e all’arricchimento di Villa San Remigio, quale simbolo del loro sogno d’amore.

Villa San Remigio, gestita dalla Browne, pittrice e scultrice, e da Della Valle, poeta e scrittore, divenne ben presto un salotto d’elezione per artisti e intellettuali, tra cui Hesse, D’Annunzio, Boccioni e Clara Schumann.

Nel corso degli anni, Villa San Remigio passò attraverso varie vicissitudini, fino ad ora, che la cappella è stata restaurata alla sua antica bellezza e trasformata in una dimora d’epoca, Villino San Remigio, in cui Hannah e Morgan hanno soggiornato insieme ai loro ospiti e hanno celebrato la loro cerimonia, e la Villa più grande, con i suoi giardini all’inglese e all’italiana, che ospita uffici amministrativi.

Direi che non potevamo partire con premesse migliori.

Arrivata alla Villa, sono stata accolta dall’incredibile panorama del Lago Maggiore, visibile dal giardino-terrazza di fronte al parco, e dalla bellezza della dimora stessa. Ho trovato Hannah già vestita, pettinata e truccata, nonostante solitamente la parte della preparazione, soprattutto della sposa, costituisca una parte “importante” del servizio fotografico. In quell’esatto momento, sono rimasta affascinata dalla combinazione di eleganza e bellezza della sposa, unita ad una personalità schietta ed allegra, quattro caratteristiche che ho capito poi avrebbero permeato tutto l’evento. Morgan, invece, lo sposo, devo dire che mi ha subito ricordato uno dei miei musicisti preferiti quando era più giovane… e che dire della sorpresa di trovare Victoria di Symbolic Wedding in Italy a celebrare in modo estremamente toccante la cerimonia.

Ciliegina sulla torta, gli Alzamantes, a suonare alcune tra le mie canzoni preferite, tra cui il theme di uno dei miei film preferiti di Scorsese, The Departed, con arrangiamento folk elettrico.

La cerimonia simbolica è stata celebrata all’aperto, nel giardino della Villa, sulla terrazza che dà sulla vista mozzafiato del lago. L’atmosfera era semplicemente magica, romantica quanto sa esserlo sui laghi italiani.

Anche la prima parte del ricevimento ha avuto luogo in Villa, mentre, per la cena, gli ospiti sono stati tutti invitati al Piccolo Lago, un rinomato ristorante gourmet, dove hanno potuto gustare alcune tra le più squisite specialità del luogo e, tra una portata e l’altra, dedicare agli sposi discorsi sentiti e toccanti.

E’ stato un evento ricco di momenti intensi e di gioia e divertimento… qui di seguito una piccola selezione delle loro immagini e nel portfolio la gallery completa. ^^